RODOLFO FIORENZA

Per fotografare inquadri le persone, descrivi le opere, metti a fuoco i dettagli, frequenti le architetture, abiti le piazze, indossi la luce. Se tutto questo incontra le ombre che ti camminano dentro, al momento dello scatto ti accorgi che quello che hai fotografato ha un valore diverso dal reale che hai di fronte, ti emoziona, ti somiglia di più. È quel qualcosa in più che ogni volta ricerchi. E quelle immagini non ti lasciano più, sono la tua memoria, rimangono tutte con tutte le loro storie e il carico di bellezza che credi di aver scoperto.

In taking photographs you describe the people, depict the works, put the details in focus, enter into the architecture, live in the squares and are permeated by the light. If all this encounters the shadows inside you, at the moment of the click you realise that what you have photographed has a value that is different from the reality in front of you, that involves you emotionally as it becomes more like you. It’s that something extra that you are searching for each time. And these images will never leave you, they are a part of your memory which will remain with you together with all their individual stories and particular beauty that you believe to have discovered.